Riccardo Zarconi. Vende caramelle per 5,9 miliardi di dollari e sogna di tornare in Italia

Si tratta di Riccardo Zarconi, 48enne co-fondatore e amministratore delegato di King Digital.
La società è nata nel 2003 in terra d’Albione, ma è diventata nota quando ha raggiunto un inaspettato successo nel 2012 con Candy Crush, il puzzle-game ha letteralmente impazzire migliaia di persone (Me inclusa lo ammetto) e ha permesso alla società di Zacconi di diventare la terza maggior casa produttrice di videogiochi per smartphone.
Non credo di dovervi spiegare in cosa consiste il gioco ma vi garantisco che crea vera e propria “dipendenza”.

candy-crush-saga-500-milioni-di-utenti-in-un-anno-Candy_Crush_Saga_compleanno_anno_utenti_download_app

Così il fortunato imprenditore romano sbarcato a Londra nel 2001 e diventato uno dei fondatori della King Digital nel 2003, può ritenersi ampliamente soddisfatto, pensate che la sua società al momento conta circa 1600 dipendenti ed è stata quotata lo scorso anno a Wall Street per un valore iniziale di 7 miliardi e mezzo di dollari e Zacconi, nel 2013, è stato inserito dal Guardian tra le cento personalità più potenti del mondo nei media: al cinquantaseiesimo posto dietro a veri e propri mostri sacri del settore come Larry Page (Google), Rupert Murdoch (News Corp/Sky) e Jeff Bezos (Amazon). Non male come scalata al successo!

Che poteva fare quindi ora s enon venderla? E che vendita… Stiamo parlando di 5,9 miliardi di dollari mica caramelle…

“Sono soddisfatto. E’ stata un’operazione bella e giusta. Per gli investitori, per la mia azienda, per il mio team”, ha spiegato Riccardo, “Conosco Activision da tempo, ma abbiamo iniziato a studiare il deal, che si concluderà nella prossima primavera, solo in questi ultimi mesi”. La transizione, infatti, si completerà nella primavera del 2016. King Digital dovrebbe continuare ad operare in modo indipendente da Activision Blizzard e Riccardo Zacconi dovrebbe mantenere la carica di a.d.

Ora l’imprenditore vorrebbe tornare in Italia prchè a suo dire: “C’è un gruppetto di grandi manager italiani nel mondo digitale. Sarebbe bello sentirci, unire le forze, fare qualcosa per il nostro meraviglioso Paese”.

In tutta onestà se voi foste uno di questi non dareste retta a chi ha fatto la sua fortuna (E quella della sua azienda) vendendo semplicemente delle “caramelle”?

Riccardo Zarconi. Vende caramelle per 5,9 miliardi di dollari e sogna di tornare in Italiaultima modifica: 2015-11-05T10:20:03+01:00da eclissidiluna72
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento